• Settembre 26, 2021 3:13 am

RgSkyService

Il Lavoro Paga Sempre

IPTV E PEZZOTTO

Dirgskyservice

Mag 23, 2021

SCATTANO LE PRIME MULTE PER GLI UTENTI: SANZIONATI IN 2MILA

E’ stata denominata “Operazione Blackout” l’ultimo maxi raid condotto dalla Polizia Postale contro lo streaming illegale e pezzotto. Ad essere interessati 1,5 milioni di utenti, a cui sono stati oscurati gli “abbonamenti” ai siti web che consentivano di visualizzare contenuti coperti dal diritto d’autore. Sono scattate però anche 45 denunce.

Tali contenuti venivano ritrasmessi da varie piattaforme, tra cui Sky, DAZN, Mediaset e Netflix e come avvenuto anche in passato, permettevano di visualizzare a prezzi esigui partite, ma anche film, serie tv ed altro.

I provvedimenti sono stati eseguiti in varie città italiane, e la Procura e Polizia Postale hanno impiegato 200 specialisti provenienti da 11 compartimenti regionali. La disattivazione e sequestro della centrale ha portato al blocco dell’80% del flusso illegale di IPTV in Italia. Nel rapporto si legge che l’associazione si basava su uno schema piramidale in cui operavano in contemporanea diversi soggetti.

Secondo quanto riportato da La stampa, “le investigazioni si sono avvalse di complesse attività di analisi informatiche, documentali, riscontri bancari e servizi di osservazione ed appostamento“, e nelle abitazioni di alcuni indagati sarebbe stato sequestrato anche denaro in contante per decine di migliaia di Euro provenienti proprio da tali traffici.

Lo scorso Gennaio, la Lega Calcio aveva puntato i fari sui fruitori dell’IPTV, minacciando possibili sanzioni.FONTE:LA STAMPA

PIRATERIA ED IPTV, LA LEGA PUNTA I FARI SUGLI UTENTI: IN ARRIVO LE MULTE

Continua la lotta alla pirateria ed IPTV da parte della Lega Serie Serie A. Con il rinnovo del mandato per i dirigenti, infatti, riprende il contrasto ad un fenomeno che negli ultimi anni ha causato ingenti danni al mondo dello sport, in ginocchio a causa la pandemia. Per il 2021 l’obiettivo è senzionare anche gli utenti finali.

A riferirlo la Gazzetta dello Sport secondo cui la Lega Serie A, in collaborazione con la Guardia di Finanza, ha portato alla chiusura di 130 server in Italia e 280 all’estero che venivano utilizzati per la trasmissione delle partite.

Luigi De Siervo, l’amministratore delegato della Lega, ha spiegato che “se nelle altre Leghe europee il blocco del server avviene solo per la durata del match, il nostro paese è l’unico in cui è possibile attivare blocchi permanenti nei confronti dei server principali e di tutte le variazioni ad essi annesse“, ma ha anche ribadito che nel 2021 saranno sanzionati anche gli utenti.

Abbiamo bloccato più di 2.200 tra indirizzi IP e nomi a dominio, un risultato che ci conferma in prima linea in questa battaglia. Non è più semplice pirateria ma criminalità informatica, una piaga in aumento negli ultimi anni. Il calcio in questo modo si muove a tutela di tutta l’economia italiana” ha affermato il dirigente, che parla di multe da 2.582 a 25.822 Euro e reclusione da sei mesi a tre anni per violazione del diritto d’autore.

Già al termine dell’ultima maxi operazione contro l’IPTV De Siervo aveva annunciato le intenzioni di multare gli utenti, ed a quanto pare l’obiettivo è vicino.